Menu

“Famiglia. Due Sinodi e un’esortazione. Diario di una svolta”: un libro di F. Ferrari

L’autore, condividendo con il lettore l’esperienza di corrispondente in diretta dai lavori, ci fa rivivere le sequenze di giornate intense e imprevedibili – non sempre entusiasmanti, spesso illuminate dagli interventi di Papa Francesco – dei due Sinodi dedicati alla famiglia, quello straordinario del 2014 e quello ordinario del 2015.
Il lavoro di Franco Ferrari – scrive Andrea Grillo nell’Introduzione – ci permette di ricostruire un cammino; già oggi, infatti, noi rischieremmo di dimenticare «come si è arrivati» al testo di Amoris Laetitia. Utile risulta, per questo, il ritornare ai singoli passi che l’hanno preparata, ostacolata, accompagnata e purificata. Un cammino nel quale i Vescovi stessi si sono sentiti «cambiati» dagli scambi sinodali.
Appare chiaro il valore di questo «diario» che, con i dati della cronaca, dà un contributo originale e prezioso, attestando non solo l’atto di un Pontefice, ma il non facile assenso di una Assemblea episcopale; non solo la parola di un capo, ma il dialogo di un corpo; non solo la grande dottrina della giustizia, ma anche la più grande sapienza della misericordia.

Descrizione

Titolo: Famiglia. Due Sinodi e un’esortazione. Diario di una svolta
Autore: Ferrari Franco
Prezzo: € 16,00
Anno: 2016
Pagine: 200 p.
Editore Nerbini

 

 

Diario del Sinodo, di Franco Ferrari: una svolta in famiglia
di Andrea Grillo

E’ appena uscito il libro di Franco Ferrari, Famiglia. Due Sinodi e un’esortazione. Diario di una svolta (Nerbini, Firenze 2016), che raccoglie le cronache che, giorno per giorno, l’autore ha steso durante i due Sinodi del 2014-2015. Pubblico qui la Introduzione che l’autore mi ha chiesto di scrivere per il suo volume e dalla quale si può capire l’interesse di questa raccolta.

Introduzione

Cronaca di una svolta annunciata.

Il volume che F. Ferrari ha “composto” – nella forma di un “diario del Sinodo” – ci permette di ricostruire i tre anni di cammino ecclesiale, lungo i due Sinodi – quello Straordinario del 2014 e quello ordinario del 2015 – con una campata temporale di “documentazione” che si estende per poco più di un anno, a partire dal 3 ottobre 2014 per arrivare al 25 ottobre 2015. Prezioso risulta, per questo, lo scandirsi dei passi, giorno per giorno, durante le due Assemblee. Già oggi, infatti, noi rischieremmo di dimenticare come si è arrivati al testo di Amoris Laetitia. Alla luce di questo preziose “pagine di agenda” noi dovremmo guardare alla “svolta” indirizzando l’attenzione a due campate “maggiori” di questo semplice “anno di cronaca”. Una prima è quella già indicata dei tre anni, che vanno dal “primo spunto” di progetto del Sinodo sulla famiglia, nell’ottobre del 2013 alla pubblicazione della Esortazione Apostolica “Amoris Laetitia” nell’aprile 2016. Ma vi è una ulteriore “campata” da considerare, che va da “Arcanum divinae sapientiae”, enciclica di Leone XIII del 1880, fino al testo di AL del 2016. Potremmo quindi affermare – senza esagerare – che questa cronaca quotidiana di una quarantina di giorni, che si estendono per poco più di un anno, ci è molto utile per capire non solo la evoluzione degli ultimi 3 anni, ma anche quella degli ultimi due secoli.

a) La svolta del Vaticano II rilanciato (Sulle orme e oltre Familiaris Consortio di Giovanni Paolo II – 1981)

Negli ultimi tre anni abbiamo visto rinascere il Concilio Vaticano II. E il primo sintomo di tutto ciò è che se ne parla molto meno di prima. Perché lo si mette direttamente in opera, con l’urgenza di un “atto di misericordia”: di cui aveva bisogno la Chiesa; di cui aveva bisogno la famiglia e il matrimonio. La prima “breccia” di tutto ciò era avvenuta, solennemente, 35 anni fa, dopo un altro Sinodo dei Vescovi, recepito nella Esortazione Familiaris Consortio. Essa sanciva, in modo inequivocabile, il riconoscimento di una “società complessa”, non più misurabile soltanto sul “diritto canonico”. L’esito fu, allora, un paradosso: si poteva concepire una “comunione ecclesiale” che comprendeva anche le regioni della “irregolarità familiare”, alle quali, tuttavia, non poteva corrispondere alcuna “comunione sacramentale”. Ora, con i lenti passi compiuti in questi tre anni, si apre una possibilità nuova: ossia che, in foro interno, possa accedere alla comunione anche chi, in foro esterno, rimane collocato in una regione “irregolare”. Potremmo dire che, in foro interno, è data una autorità alla esteriorità civile, diversa da quella canonica. E questo è un fatto epocale, perché modifica strutturalmente il rapporto tra Chiesa e mondo.

b) La svolta del rapporto con la realtà e con il tempo (Oltre “Arcanum Divinae Sapientiae” di Leone XIII – 1880)

In questa svolta è nato dunque qualcosa di nuovo. In questa svolta muore anche qualcosa di vecchio. Muore la ossessione di controllo, muore la preoccupazione integralista di un Vangelo ridotto a dottrina e di una dottrina identificata con una sola disciplina possibile.

Nella storia della Chiesa, dovremmo sempre ricordarlo bene, “ciò che non muore e ciò che può morire/, non è se non splendor di quella idea/, che partorisce amando il nostro Sire” (Dante). Nella tradizione cattolica sul matrimonio una accurata ridefinizione di ciò che non muore e di ciò che può morire è la cura con cui la Chiesa – il Vescovo di Roma in comunione con il Sinodo dei Vescovi – hanno ridefinito nelle cronache di questi 37 giorni di “lavoro comune”.

Se “la realtà è superiore alla idea”, e “il tempo superiore allo spazio” – come si dice in Evangelii Gaudium – ciò implica che la Chiesa non debba “spazialmente” difendere competenze, ma debba mettersi temporalmente in cammini di discernimento, di accompagnamento e di integrazione. Né la competenza esclusiva della Chiesa sul matrimonio come istituzione, né la esclusiva naturale sulla generazione contro ogni “artificiale separazione” tra sesso e procreazione: queste erano le preoccupazione di fine XIX secolo e di inizi XX che sono rimaste tanto a lungo come “priorità tipicamente cattoliche”. Le abbiamo ancora sentite risuonare nelle Assemblee sinodali, e la loro eco non è assente neppure nel testo della Esortazione. Ma l’orizzonte è mutato: la misericordia spiazza una Chiesa autoreferenziale, la fa uscire per strada, le fa trovare Dio nella città: è già presente, persino sub contraria specie. Il tempo trasforma lo spazio, la realtà anticipa e supera l’idea.

Ecco, una volta acquisita la pace di una sintesi finale, con la sua organicità e la sua ampiezza, è bello ritornare ai singoli passi che l’hanno preparata, ostacolata, accompagnata e purificata. In un cammino nel quale i Vescovi stessi si sono sentiti “cambiati” dagli scambi sinodali, appare chiaro il valore di questo “diario”. Documentando passo passo il crescere della coscienza episcopale intorno al tema “amore”, esso attesta non solo l’atto di un Pontefice, ma il non facile assenso di una Assemblea episcopale; non solo la parola di un capo, ma il dialogo di un corpo; non solo la grande dottrina della giustizia, ma anche la più grande sapienza della misericordia. Quelle stesse esigenze di discernimento, accompagnamento e integrazione, che AL richiede al pastore come metodo di azione ecclesiale, sono richieste, in pari tempo, al lettore e al teologo, come metodo di lettura per entrare nel sistema raffinato della Esortazione e di tutta la storia della sua preparazione. A tale compito questo libro di F. Ferrari dà un contributo originale e prezioso, mostrando, con i dati della cronaca, un lento costruirsi della storia, nella quale è intrecciata, in modo indissolubile, l’azione di Dio e la azione degli uomini.

in “Come se non” – http://www.cittadellaeditrice.com/munera/come-se-non/ – del 1 ottobre 2016

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.