• Italia, Roma
  • 18/06/2019

“Crisi e rinnovamento tra mondo classico e cristianesimo antico”: un libro di A.M. Mazzanti

Il contesto contemporaneo sembra essere definito dal termine “crisi”. Il vocabolo che è attribuito a fenomeni diversificati sembra nel contempo individuare un uniforme significato negativo. Le scienze sociali, considerando la crisi …

“Pionieri per fare la differenza”: Corso di formazione teorico-pratica su educazione affettiva sessuale e accoglienza delle diversità – Roma 23-25 novembre 2018.

UCIIM – PIONERR – CeRFEE Zelindo Trenti Corso di aggiornamento per insegnanti ed educatori della secondaria I° grado A SCUOLA DI EMOZIONI Percorso di alfabetizzazione emotiva per insegnanti Roma 13 ottobre 2018   …

“Siate coraggiosi!”: intervista a Jürgen Moltmann, a cura di Hannes Leitlein

Il professor Jürgen Moltmann ha lasciato il segno nella teologia del periodo successivo al 1945 come pochi altri. Ancora 55 anni dopo la pubblicazione del suo “Teologia della Speranza”, il novantaduenne si mostra ricco di fiducia. Un dialogo su coraggio, liberazione, profezia e su una macchina da scrivere da viaggio.

“Voi chi dite che io sia?”: Storia di un profeta ebreo di nome Gesù – di G. Jossa

” Il libro è un originale, documentatissimo e avvincente percorso alla scoperta della evoluzione terrena di Gesù, da una tappa all’altra, tra successi e fallimenti, fino all’epilogo del processo e della condanna. L’autore ha colto nella vita pubblica di Gesù uno sviluppo dinamico, una storia con delle svolte sostanziali legate alle principali tappe della vita pubblica .”

Dove sta andando la scuola? Siamo sicuri che sia la strada giusta? – Salvatore Settis

S. Settis ci pone seri interrogativi su “La buona scuola” che stiamo costruendo. Studi sempre più specializzati. L’acquisizione di “competenze” sempre più precise che seguano le esigenze del mercato del lavoro. Studenti che escono dall’università (o anche dalle superiori) in possesso di una professionalità spendibile subito. Sono questi i desideri proibiti di chi frequenta le scuole, oltre che il totem retorico degli addetti alla cultura, dai ministeri ai dirigenti scolastici. Ma c’è un ma: siamo sicuri che sia la strada giusta?

“Resistenti”: testimoni del nostro tempo – un libro di Tzvetan Todorov

Con Resistenti, Tzvetan Todorov racconta la passione civile e i destini di otto dissidenti esemplari e indomiti ribelli: Etty Hillesum, la giovane deportata ad Auschwitz, l’oppositrice antinazista Germaine Tillion, i grandi scrittori russi Boris Pasternak e Aleksandr Solženicyn, i paladini dei diritti dei neri Nelson Mandela e Malcolm X, il pacifista israeliano David Shulman, Edward Snowden, che denuncia le infrazioni dei governi.
Un’analisi lucida e appassionata delle questioni politiche più significative dei nostri giorni.

“L’uomo del futuro”: don Lorenzo Milani – E. Affinati

Il libro è frutto di indagini e perlustrazioni appassionate, tese a legittimare non soltanto la storia dell’uomo con le testimonianze di chi lo frequentò. L’autore ha cercato l’eredità spirituale di don Lorenzo nelle contrade del pianeta dove alcuni educatori isolati, insieme ai loro alunni, senza sapere chi egli fosse, lo fanno rivivere ogni giorno: dai maestri di villaggio, ai teppisti berlinesi; dagli adolescenti arabi, agli italiani di Ellis Island; dalle suore di Pechino e Benares, ai piccoli rapinatori messicani, ai renitenti alla leva russi, ai ragazzi di Hiroshima, fino ai preti romani, che non sembrano aver dimenticato la severa lezione impartita dal priore.

3. Educazione e le nuove tecnologie della comunicazione: le religioni in rete – R.Romio

In questo contributo cercheremo di esplorare il cambiamento prodotto nella comunicazione religiosa con l’avvento delle nuove tecnologie (TIC). A partire dalle mappe cognitive e dai bisogni di spiritualità degli internauti cercheremo di capire potenzialità e rischi della comunicazione digitale per le religioni storiche e quelle online. L’obiettivo è quello di offrire dei paradigmi per orientarsi nel mondo della comunicazione religiosa assistita dal computer e capire come si riconfigurano le diverse dimensioni della religiosità nella comunicazione digitale.

“La memoria dei luoghi. Sulle tracce di don Lorenzo Milani”: testi e immagini

Il volume pubblicato da Ancora editrice (pagine 112, e 22) di Francesca Cosi (testi) e Alessandra Repossi (immagini) propone un viaggio fotografico tra i luoghi del sacerdote come appaiono oggi (gli scatti sono del 2013-2015): la casa di Firenze dell’infanzia, il seminario e soprattutto le parrocchie di San Donato a Calenzano e di Barbiana. Luoghi visitati in compagnia degli allievi di don Milani che hanno condiviso con lui l’esperienza della «scuola popolare». Le testimonianze affiancano le immagini in bianco e nero insieme ai testi scritti dal sacerdote e alla ricostruzione della sua vicenda biografica.

EREnews numero 4/2015: Bollettino tematico trimestrale plurilingue sul fattore religioso – F. Pajer

Un bollettino telematico trimestrale plurilingue: documenti, pubblicazioni sulla gestione del fattore religioso nello spazio pubblico educativo e accademico in Europa.

“Senza educazione. I rischi della scuola 2.0”: un libro di A. Scotto Luzio

Un libro provocatorio sul tema dell’educazione come funzione principale della scuola, il cui obiettivo fondamentale deve rimanere la crescita consapevole degli individui.

2. La via ermeneutica esistenziale nell’educazione religiosa: una risposta alla sfida educativa – R. Romio

La religione può dare un apporto insostituibile per un’educazione integrale della persona. Il Concilio ha operato una svolta, anche se contrastata, nel modo di intendere il rapporto con il mondo contemporaneo e per sviluppare una profonda integrazione tra esigenze umane e religiose. La spinta innovativa deve fare i conti con consuetudini radicate e ancora fortemente presenti in ambito educativo. Le potenzialità della prospettiva educativa ermeneutica esistenziale possono illuminare e sostenere la dimensione educativa dell’esperienza credente.

2. Educazione e le nuove tecnologie della comunicazione: la sfida alla pedagogia trasmissiva dominante – R.Romio

La rete ed i dispositivi digitali costituiscono oggi la più grande risorsa che abbiamo per costruire l’innovazione. Gli economisti cominciano ad affermare che le nuove TIC e la rete hanno innescato la terza rivoluzione industriale. È del tutto evidente che questa rivoluzione richiede un profondo sforzo educativo per adeguare le istituzioni educative, il personale docente, le metodologie, il contesto educativo alla nuova condizione.
Come ogni innovazione, anche questa non è scevra da pericoli a cui sono esposte soprattutto le nuove generazioni. L’atteggiamento vincente non sarà quello della chiusura e del rifiuto, ma quello di una sapiente e regolamentata integrazione con i media più tradizionali

Gender e sfida educativa: G. Mari – docente Pedagogia generale

 Negli ultimi tempi accade frequentemente di incontrare un termine inglese a cui non eravamo abituati, ma che è destinato ad occupare stabilmente le cronache, almeno fino a quando non ci sarà una sufficiente presa di coscienza in merito al suo significato ideologico. In questo breve intervento, dopo averne richiamato i tratti salienti, verrà mettere a fuoco la sfida educativa connessa al Gender e prospettato il superamento correlato alla risemantizzazione dei profili maschile e femminile. Si tratta di questioni di profonda rilevanza per quanto concerne l’educazione.
SOMMARIO:
1. Origini e significato della “Gender Theory”. – 2. L’incongruenza della “Gen- der Theory” rispetto all’antropologia. – 3. L’insufficienza culturale della teoria del Gender. – 4. La risemantizzazione delle identità maschile e femminile. – 5. Educazione sessuale e sfida pedagogica. – 6. Gender e omosessualità.