• 01/12/2020
  
ERMES EDUCATION

Capire il cambiamento

Rivista di Pedagogia Ermeneutica Esistenziale
Raffaello -La Madonna di san Luca

La città in cui si spense uno degli artisti più rappresentativi della storia dell’arte italiana ne esalta oggi la memoria e l’eredità in occasione delle celebrazioni per i cinquecento anni dalla scomparsa. Il 21 ottobre infatti, l’Accademia Nazionale di San Luca ha inaugurato la mostra, aperta al pubblico fino al 30 gennaio 2021, “Raffaello. L’Accademia di San Luca e il mito dell’Urbinate”.

 

Il cuore del centro storico di Roma,
millenario scrigno di bellezza e arte, è luogo ideale per ricordare uno dei più grandi personaggi della cultura italiana. L’Accademia di San Luca, a pochi metri dalla meraviglia di Fontana di Trevi, ha inaugurato, con l’anteprima stampa del 21 ottobre, una mostra di straordinario valore che accoglierà visitatori fino al 30 gennaio 2021: “Raffaello. L’Accademia di San Luca e il mito dell’Urbinate”, a cura di Francesco Moschini, Valeria Rotili e Stefania Ventra coadiuvati dal comitato scientifico. Evento organizzato nell’ambito delle celebrazioni per i cinquecento anni dalla morte del grande artista di Urbino.

Il percorso si sviluppa in cinque sezioni
su tre piani dello storico edificio, sede dell’Istituzione che trae origine dall’antica università delle arti della pittura di Roma. Il luogo non è casuale, perché tradizionalmente legato alla figura di Raffaello.

Simbolo dell’esposizione è senza dubbio San Luca dipinge la Vergine, autentica icona dell’Accademia. L’autore viene ritratto nell’opera accanto al Santo patrono dei pittori, divenendone simbolicamente discepolo. E così tutti coloro che si ispirano all’Urbinate. Grande importanza assume la celebre copia del 1623 di Antiveduto Gramatica, conservata nella chiesa dei Santi Luca e Martina e posta a confronto diretto con l’originale, assieme a disegni e incisioni più moderne.

La seconda sezione è dedicata al misterioso Putto Reggifestone,
giunto all’Accademia nel 1834. Autentico cantiere di studio ancora oggi, l’opera è stata sempre ispirazione per molteplici copie. La più celebre e documentata è quella di Gustave Moreau del 1858, esposta grazie ad un prestito del Musée Gustave Moreau di Parigi. Impossibile non citare poi Il Trionfo di Galatea di Pietro da Cortona: per Raffaello davvero un illustre imitatore.

Il percorso si conclude
con le sale al piano terra, dove sono ospitate opere tra il seicento e il novecento i cui autori si ispirarono all’esempio dell’Urbinate. Raffaello e l’Accademia di San Luca, un legame suggellato da una mostra unica.

Alcune delle opere in mostra all’Accademia di San Luca 

 

Marco Bambagi

Author

Marco Bombagi
mbombagi@gmail.com
Laurea Magistrale in Scienze Politiche con indirizzo sociale e del lavoro conseguita nel giugno 2006. Praticante giornalista presso "Lumsa News" ( scuola di giornalismo dell'università Lumsa) da ottobre 2007 a ottobre 2009. Giornalista professionista dal 19 gennaio 2010. Attualmente redattore di