Menu

“Francesco il ribelle”: Il linguaggio, i gesti e i luoghi di un uomo che ha segnato il corso della storia – E.Fortunato

La figura di san Francesco continua a interrogare l’uomo contemporaneo così come scandalizzò quello medievale. La grazia, la misericordia e la santità della sua figura parlano al cattolico, interessano il laico e sono una sfida per l’ateo. La sua rinuncia al mondo fu così radicale da rappresentare un modello per ogni futura rinuncia. Le sue scelte di essere povero tra i poveri, ultimo tra gli ultimi, in comunione intima con la natura indussero sospetti nelle gerarchie ecclesiastiche e mostrarono il volto evangelico di una Chiesa spesso severa e troppo incline al mondo. A lui si richiama continuamente papa Francesco, che ha scelto di chiamarsi così proprio in suo onore, volendo continuare l’opera del poverello di Assisi. Raccontare Francesco vuol dire sognare oggi una società migliore, solidale e aperta ai più deboli. E soprattutto sognarla nel segno della pace.

 

Descrizione

           

Titolo: Francesco il ribelle. Il linguaggio, i gesti e i luoghi di un uomo che ha segnato il corso della storia
Autore: Enzo Fortunato
Editore: Mondadori
Collana: Saggistica
Data di Pubblicazione: febbraio 2018
ISBN: 8804687568
Ean: 9788804687566
Pagine: 121
Costo: 16,50

 

 

Francesco d’Assisi, storia di un ribelle obbediente
di Pietro Parolin

Francesco d’Assisi è stato un uomo che ha segnato la storia. E la storia continua a interessarsi a lui. Oggi scritta da un francescano conventuale del Sacro Convento di Assisi, Enzo Fortunato, che ha fatto della comunicazione culturale un punto di forza della sua missione, abbiamo tra le mani una nuova lettura della   storia di Francesco. La cosa appare del tutto straordinaria se si considera che Francesco non era un personaggio di potere, non aveva una cultura accademica e non ha partecipato (se non in un senso del tutto particolare) a imprese militari. Era un «semplice». Questo lo faceva guardare con sufficienza da parte di chi si sentiva grande o colto… Quest’uomo semplice, scrive l’autore, ha segnato la storia. Ha fatto della sua semplicità una straordinaria arma contro i benpensanti.

Il piccolo Francesco ha cambiato il mondo partendo dai piccoli, dai poveri, dagli scartati. Anche i briganti sono per lui fratelli, perché anche il nemico è un uomo e il bene può vincere il male, cambiando il cuore anche dei violenti… Non c’è dubbio che Francesco sia anzitutto un uomo di Chiesa, fedele al papa, e che la Chiesa cattolica si misuri costantemente con l’eredità evangelica del santo di Assisi. Basti pensare ai papi degli ultimi anni… Papa Francesco, ha raccontato con semplicità la scelta del suo nome dicendo: «Come vorrei una Chiesa povera e per i poveri! Per questo mi chiamo Francesco, come Francesco da Assisi».

Padre Enzo Fortunato, con questa opera, ha voluto mostrarci l’attualità del pensiero e dell’azione di Francesco, mentre la Chiesa cerca ogni giorno di compiere quel cammino in «uscita» chiestole da papa Francesco. Padre Fortunato ha capito che bisognava in qualche modo spiegare il «segreto» di Francesco, cioè la ragione per la quale un uomo semplice, vissuto otto secoli fa, è la migliore incarnazione del cristianesimo come si va configurando in questo inizio di terzo millennio.

Un ribelle, certo, ma un ribelle obbediente. Un uomo obbediente, certo, ma un obbediente sempre libero. Questo libro ripercorre le parole, i luoghi e gli incontri di un uomo allo stesso tempo libero e obbediente. Non solo si descrive il percorso personale di un uomo, ma si delinea una cultura ispirata al Vangelo, in grado di dialogare con tutti. Padre Fortunato sa bene che Assisi è un santuario speciale, perché normalmente nei santuari si va a chiedere una grazia. Ad Assisi no: ci si va per incontrare Francesco. Si va ad Assisi per incontrare un uomo che ha vissuto il Vangelo…

Perché Francesco ancora oggi attira tanta gente? Perché la sua umanità è quella di un uomo mite. Si realizza in Francesco la beatitudine evangelica: «Beati i miti perché erediteranno la terra». I miti non conquistano la terra, non se ne impossessano con la violenza, semplicemente la ricevono come un dono. Perché i miti hanno una straordinaria forza di attrazione. Chi incontra un uomo mite vorrebbe stare sempre con lui. Così Francesco, ancora dopo otto secoli, attrae milioni di persone che ogni anno si recano nella sua città.

Come non leggere in controluce, nelle pagine di questo libro e nell’umanità di Francesco d’Assisi, il progetto evangelico che papa Francesco sta portando avanti per tutta la Chiesa? Una Chiesa non chiusa nelle sue istituzioni, ma povera e aperta all’incontro, capace di proporre il Vangelo con la parola e con la vita. È questo il merito forse maggiore di queste pagine, quello di condurci a riflettere sul «ribelle» Francesco, ma anche quello di farci intravedere il volto del cristianesimo delle prossime generazioni.

in “Corriere della Sera” del 25 febbraio 2015

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.