• 21/10/2019

ERMES Education

Per capire il cambiamento

Rivista di Pedagogia Ermeneutica Esistenziale

“Al termine del giorno”: Enzo Bianchi racconta il monachesimo. La vita cristiana è ascolto

All’inizio della notte da sempre i cristiani innalzano lodi al Signore e intercedono per tutta l’umanità di cui vogliono essere voce. È nel buio di quest’ora che, a partire dalla Regola di Benedetto, sono state pronunciate le parole indirizzate da un priore ai suoi fratelli e alle sue sorelle, e qui radunate in un’unica raccolta inedita. Parole sapienti, che appartengono alla tradizione e nel vangelo cercano luce; parole per questo capaci di illuminare il viaggio interiore di chiunque sia alla ricerca di un senso, di un “oriente” per la propria vita.

Custodire il «deserto»: una categoria spirituale più che geografica o fisica – E. Bianchi

Il «deserto» si rivela, ancora oggi come: ritirarsi in disparte, non condividere il modo di pensare e di agire della maggioranza, accettare la prova e la privazione per saggiare cosa si ritiene davvero essenziale, fare silenzio per imparare l’ascolto, custodire la solitudine per saper leggere nel proprio cuore e in quello altrui. Sono tutti elementi che alcuni individui – in ogni tempo e in ogni luogo – colgono come propria verità fino ad assumerli come totalità della propria condizione e come segno capace di offrire consapevolezza e senso della vita a quanti a loro si accostano

Le donne nella chiesa di oggi: un ripensamento complessivo delle relazioni ecclesiali

Le donne che abitano gli spazi ecclesiali non sono tutte uguali, ma tutte si trovano a confrontarsi con un’eredità di discorsi e convinzioni sul femminile prodotti in tempi molto diversi dal nostro, dotati di una grande vischiosità, che condizionano anche pesantemente relazioni quotidiane e istituzionali, forme organizzative, strutture di pensiero, riflessioni teologiche.

“I narcos mi vogliono morto”: Vita di padre Solalinde un prete che i narcos vogliono morto

La vicenda di padre Alejandro Solalinde, raccontata in questo libro, si intreccia con i 20 mila migranti rapiti ogni anno in Messico, uomini, donne e bambini che spariscono nel nulla. Padre Alejandro, dopo una vita da prete «normale», ha iniziato ad aprire le porte del cuore e di casa agli stranieri che cercavano un rifugio, un pezzo di pane, una parola di conforto. Non ha taciuto: ha denunciato i soprusi dei trafficanti, le connivenze della politica, la corruzione della polizia. I narcos gliel’hanno giurata: sulla sua testa pende una taglia di 1 milione di dollari. Di qui le minacce, i tentati omicidi, una scorta di 4 uomini per difendere un uomo che difende gli indifesi.